Igor: “High Potential: un percorso di sviluppo… oltre confini!”

In All, People by Alessia Marola

La mia forza è sempre stata quella di essere curioso e di interessarmi un po’ a tutto.

Igor lavora in Würth Italia da 13 anni. E’ Responsabile di particolari progetti legati ad attività promozionali e dell’Organizzazione Eventi, mettendo in piedi alla perfezione manifestazioni rivolte ai clienti come l’Oktoberfest (con oltre 6.000 partecipanti) o il Customer Day, ma anche congressi e momenti d’incontro rivolti ai collaboratori dell’azienda.

Instancabile, ottimista e propositivo, Igor si è sempre contraddistinto per la sua proattività, spirito d’iniziativa e problem solving, mantenendo il suo sorriso sempre, anche nei momenti più critici e di grande pressione. Per questo è uno dei partecipanti al programma di sviluppo High Potential, volto ad accompagnare i manager di oggi a livelli di responsabilità superiori.

In cosa consiste di preciso il tuo ruolo in azienda?

Gira la card

In cosa consiste di preciso il tuo ruolo in azienda?

Tra le tante attività che coordino sicuramente quella che richiede più energia, capacità relazionali e tempo è l’organizzazione delle manifestazioni. Organizziamo veramente tante manifestazioni di diverse dimensioni, con target di partecipanti ed obiettivi differenti. La “regina” delle manifestazioni è il nostro evento a tema Oktoberfest di settembre ad Egna. La nostra peculiarità è che non ci affidiamo ad agenzie specializzate per un’organizzazione “chiavi in mano”, ma terziarizziamo il minimo necessario. Le relazioni con i colleghi sono fondamentali in queste situazioni, perché intorno ad una manifestazione di questo calibro collaborano oltre 100 persone, di diversi ruoli e livelli gerarchici; colleghi che “sacrificano” l’attività ordinaria per inserire in cima alla lista questa priorità.


Che tipo di formazione hai ricevuto negli anni. In che modo ha migliorato il tuo modo di lavorare?

Gira la card

Che tipo di formazione hai ricevuto negli anni. In che modo ha migliorato il tuo modo di lavorare?

Alla mia formazione da autodidatta si sono affiancati negli anni diversi moduli formativi aziendali. Non sono mai stato uno “studioso tradizionale”, la mia forza è sempre stata quella di essere curioso e di interessarmi un po’ a tutto, magari senza diventare profondo conoscitore del tema, mi sono sempre interessato a più cose possibili.
Corsi di marketing, di lingua straniera, di public speaking, da pubblicista, sales management e soprattutto di project management sono alcuni dei corsi frequentati negli anni e che mi sono tornati immediatamente utili nel mio lavoro quotidiano.
Poi, nel 2009, è arrivato il percorso MC Würth: una formazione internazionale della durata di 3 anni, affiancata ad un parallelo percorso nazionale, proposta e seguita dal reparto HR. Una vera opportunità di confronto con colleghi di altre aziende del Gruppo nel mondo, ed una vera formazione a 360°. E oggi, invece, il percorso High Potential, anch'esso un banco di prova internazionale che mi sta insegnando davvero tanto!


Raccontaci com’è strutturato il percorso “High Potential” di cui fai parte

Gira la card

Raccontaci com’è strutturato il percorso “High Potential” di cui fai parte

Circa 2 anni fa l’azienda mi ha inserito in un percorso di formazione e sviluppo internazionale denominato High Potential. Per poter partecipare una delle prerogative è l’aver frequentato già il percorso MC Würth di cui parlavo prima. Il modulo High Potential mi ha dato la possibilità di approfondire tematiche come la leadership, il time management, change management, ecc., ma questi sono solo alcuni plus del percorso, perché la vera opportunità è, a mio avviso, entrare in contatto con colleghi di tutto il mondo provenienti da culture differenti e da aziende differenti del Gruppo. Confrontarsi con difficoltà linguistiche, logistiche e culturali è bellissimo ed è un arricchimento personale e professionale, ma anche molto faticoso perché l’obiettivo primario del percorso è la proposta e l’implementazione di un progetto concreto portato avanti da diversi gruppi composti da rappresentanti di diverse nazioni. I nostri progetti sono stati presentati ed approvati da parte della KF (la Direzione Generale del Gruppo) e della Famiglia Würth in persona. Non si può descrivere l’emozione di quel momento. Esperienza veramente memorabile, intensa e difficilmente replicabile, devo solo ringraziare l’azienda per la fiducia e per l’opportunità.


Immaginati l’Igor del 2025… cosa direbbe all’Igor del 2019?

Gira la card

Immaginati l’Igor del 2025… cosa direbbe all’Igor del 2019?

Di carattere sono uno che non si accontenta mai, vuole sempre migliorare, ma pensandoci credo che potrò dirmi di essere soddisfatto ed orgoglioso di me per il mio atteggiamento e soprattutto per la filosofia d’approccio al mondo del lavoro. Secondo me, la mia generazione ha avuto la fortuna di prendere il meglio dalle generazioni precedenti, rivisitandone l’approccio in chiave più moderna ed elastica e coniugando quindi la determinazione, il rispetto delle gerarchie e l’instancabile voglia di mettersi in gioco con la tecnologia ed una visione più “smart” del luogo di lavoro.