Great Job! L’importanza di ringraziare, ed essere ringraziati, nel lavoro

In All by Manuela Ronghi

Quali caratteristiche definiscono un lavoro fatto bene?

Probabilmente: motivazione, dedizione e spirito di iniziativa.

O almeno, questi sono gli elementi che accomunano Eleonora, Daniel, Paolo e Federica, alcuni tra i diversi colleghi di sede che hanno ricevuto  l’edizione 2020 del  Great Job, un riconoscimento assegnato ogni anno dalla Direzione Aziendale ai collaboratori che si sono particolarmente distinti per impegno, proattività e senso di responsabilità nel  portare avanti progetti e iniziative che hanno determinato benefici per il loro Team e per l’azienda stessa.

La riconoscenza è uno dei valori più sentiti e coltivati all’interno del nostro quotidiano: dire Grazie! è alla base del nostro DNA come persone e professionisti, così come diffondere tra tutti i collaboratori la cultura del feedback continuo.

Abbiamo voluto dare spazio a 4 colleghi che hanno ricevuto questo apprezzamento per l’ottimo lavoro svolto, iniziando con Eleonora Ufficio Vendite e Daniel Ufficio IT Systems:

Di cosa vi occupate in Würth Italia?

Daniel: Il mio ruolo in azienda è quello di amministratore di sistema: il mio ufficio si occupa di tutti i sistemi informatici (ad esempio: server, rete, servizi email e comunicazione, database, connettività, sicurezza e molto altro)

Eleonora: Da gennaio di quest’anno faccio parte del Management dell’Ufficio Vendite, nello specifico coordino il Team Gestione Ordini

Qual è stato il vostro percorso formativo?

Eleonora: Sono entrata in Würth nel 2007 come addetta Ufficio Vendite, partendo dal settore Auto e toccando in seguito tutti gli altri settori,  poi ho proseguito il mio percorso sempre all’interno dell’Ufficio Vendite

Daniel: Ho cominciato in Würth a 18 anni nel marzo del 2001 ed è stato il mio primo lavoro! Sono entrato come apprendista nell’ufficio Helpdesk e fino al 2010 ho lavorato come supporto di primo livello in questo stesso reparto. In seguito sono passato all’ufficio sistemi con ruolo di amministratore di sistema. Sono ormai 20 anni (a marzo di quest’anno) che sono in azienda di cui 10 nell’ufficio sistemi

Quali competenze ritenete strategiche per chi svolge il vostro lavoro?

Daniel: Nel mio lavoro bisogna avere profonde conoscenze tecniche nell’ambito informatico, essere molto precisi, analitici, poter lavorare in team ed avere molta pazienza. Il mondo dell’IT è in continuo sviluppo e per questo bisogna adattarsi velocemente ed essere autodidatti. Inoltre è richiesta una certa calma nelle situazioni di malfunzionamento di servizi IT che sono fondamentali in azienda

Eleonora: Le competenze che ritengo strategiche per svolgere il mio lavoro sono numerose, tra tutte direi Comunicazione interpersonale, pensando in termini di sensibilità, chiarezza, rispetto ed empatia, Capacità di organizzarsi con attenzione a priorità, tempo e obiettivi, Pensare fuori dagli schemi per favorire brainstorming, creatività e intelligenza emotiva, Saper delegare e lavorare bene in team

C’è un motto in cui vi rivedete molto?

Eleonora: Se vuoi, puoi

Daniel: Si può imparare qualsiasi cosa con la giusta mentalità

Cosa avete provato quando vi è stato detto di aver ricevuto il riconoscimento del Great Job?

Daniel: Mi ha fatto molto piacere che il mio progetto fosse stato riconosciuto dal management anche se era un’attività “dietro le quinte”

[Daniel, con il supporto di altri colleghi, ha implementato diversi progetti di rinnovo dell’infrastruttura informatica di Würth Italia, ndr]

Eleonora: Ho provato gioia per il riconoscimento del percorso di crescita personale e professionale fatto grazie alle opportunità offerte da Würth Italia ed una spinta motivazionale ad andare avanti

Cosa suggerireste ad un giovane che sta per iniziare a lavorare in Würth?

Daniel: Consiglio vivamente di conoscere i vari reparti e non pensare solo al proprio ambito, ma uscire dagli schemi e vedere le cose nel complesso

Eleonora: Quello che mi sento di suggerire ad un nuovo collega che approccia con la nostra azienda è di lavorare con ottimismo, senso di responsabilità e rispetto reciproco; essendo consapevoli dei propri limiti e delle proprie risorse per superare i primi e mettere a disposizione le seconde. Consiglio di imparare a riconoscere le molteplici opportunità che la nostra azienda propone, e saperle cogliere per poter crescere professionalmente e personalmente. Essere curiosi, dinamici, flessibili, determinati, creativi, aperti alla sperimentazione e all’innovazione. Ultimi, ma non meno importanti, entusiasmo e sorriso: non devono mancare mai!

[Grazie a Eleonora Ruperto e Daniel Oberhofer di Würth Italia]